Registrazione | Login
 
sabato 15 dicembre 2018
GiRu
 GIANNI TIRADRITTI Riduci
Gianni Tiradritti

 Stampa   
 DILETTANTI PRONTI PER LA NUOVA STAGIONE Riduci
In pieno fermento l’attività di allestimento delle squadre nella Poliziana che vede all’opera per la seconda stagione consecutiva il Direttore Sportivo Gianni Tiradritti coadiuvato dal Responsabile dell’area Calcio Dilettanti Lorenzo Coccoletti. Si parla ovviamente di prima squadra e juniores e le premesse per fare bene sembrano esserci anche per la stagione sportiva 2015/2016.
Per quanto riguarda la prima squadra avente titolo a partecipare al Campionato di Prima Categoria, si vive sull’abbrivio di quanto di buono visto dopo l’avvento di Marco Del Balio che, in sinergia con il fido Nicola Turco, dirigerà la rosa anche per la stagione sportiva entrante. Il D.S. riesce a tenere in loco quasi tutti i pezzi del mosaico che hanno contribuito al grande exploit nel girone di ritorno della ormai scorsa stagione con otto vittorie e quattro pareggi ottenuti consecutivamente. Tra i pali verrà riconfermato Tiziano Pelliccione che ha visto il 2015 come anno della sua consacrazione. Appena 18 anni il “portierino” allevato in casa biancorossoblu è letteralmente esploso con prestazioni davvero sorprendenti. Non avrà la concorrenza di Matteo Bastreghi che, nato nelle fila della Poliziana, decide di approdare verso altri lidi per cercare nuovi stimoli ed a cui la Poliziana tributa un grazie per il suo attaccamento alla maglia ed augura nuove e migliori fortune. In difesa previsti cambiamenti anche molto importanti con nessun arrivo in vista ma si può su tutti menzionare il grande addio del capitano Fabio Mulas, l’unico giocatore della Poliziana che ha accettato di vestire la maglia biancorossoblu per tutto il decennio fin qui disputato nei campionati dilettanti dalla Poliziana diviso equalmente tra Prima Categoria e Promozione. Almeno 300 le presenze in gare ufficiali da parte del capitano che solo lui può davvero raccontare la storia della squadra dalla sua fondazione ad oggi. Non ci sono parole per descrivere questo commiato. Per lui, giunto all’età dei trent’anni un’avventura tutta nuova nell’U.S. Torrita. Un grande in bocca al lupo e grazie Fabio!
Altra importante defezione quella di Raffaele Borneo che dopo due stagioni torna al Pienza di Marco Cresti e certamente la sua caparbietà e la sua simpatia mancheranno alla squadra di Del Balio che potrà però contare sull’importante riconferma di Simone Giannelli approdato dal campionato di Serie D nel mese di dicembre e che ha fatto vedere tutte le sue qualità di giocatore capace di salire e dare manforte in tutti i reparti. Confermati anche Jacopo Grazi, Giacomo Palazzini e Andrea Severini, tre pedine preziose e sempre presenti nella stagione appena conclusasi. Nel reparto nevralgico, il centrocampo, conferma in blocco con, in ordine alfabetico, Leonardo Contemori, Giulio Leonardi, Lorenzo Leonardi, Luigi Nocentini, Riccardo Terrosi a cui si aggiungeranno i giocatori in quota Filippo Del Toro, classe 95 proveniente dal Lucignano e Niccolò Tiberini, classe 94, dai trascorsi nel settore giovanile biancorossoblu, che dopo quasi cinque anni torna a casa per dare il suo contributo di esperienza in un reparto che è già cresciuto notevolmente durante il fantastico girone di ritorno della passata stagione. Infine, ma non per ultimo, il ritorno previsto in casacca biancorossoblu di Marco Guerrini, classe 91, che dopo tre stagioni decide di tornare all’ovile. Un contributo di qualità tra centrocampo ed attacco che non potrà che rasserenare i piani di Mister Marco Del Balio. Prevista, ma non certa, la defezione di Marco Bigoni e l’addio, o arrivederci, di Francesco Trabalzini, il capitano della vittoria del campionato Juniores 2013/2014, che decide di accasarsi altrove per trovare più spazi.
Novità anche in attacco. Lascia il fantasista Roberto Pellegrini, destinazione Pienza, c’è l’arrivo di Leonardo Crocini, classe 92, la scorsa stagione al Cesa e prima ancora in forza alla Sinalunghese, che andrà a fare compagnia ai riconfermati, Alessandro Maccari, Alessandro Mazzolai e ad Alberto Mazzolai il cui fantastico gol al 95° contro la vincitrice del campionato Olimpic Sansovino del 22 febbraio scorso viene piacevolmente riproposto: https://www.facebook.com/unionepoliziana.net?ref=aymt_homepage_panel#!/unionepoliziana.net/videos/vb.838171709547133/934150509949252/?type=2&theater
 
Il Campionato di Prima Categoria avrà inizio domenica 20 settembre 2015 ed avrà il prologo con la Coppa Toscana che partirà domenica 6 settembre 2015. Cinque i cambiamenti previsti nel girone E dove usualmente viene collocata la Poliziana. Non ci saranno Orange Don Bosco, Terontola, Olmoponte, Olimpic Sansovino e Cortona Camucia. Al loro posto il ritorno del Marciano sulla strada della Poliziana e quattro novità assolute: la Virtus Leona di Bucine, Viciomaggio, Spoiano ed Arezzo Football Academy.
Per quanto riguarda la Juniores, nel regionale per la seconda stagione consecutiva, sulla carta rosa ampia per il riconfermato mister Luca Torzoni. Circa 25 i giocatori a disposizione che potrebbero anche essere di più in attesa di sapere se alcuni giocatori, impegnati con gli studi, daranno comunque la loro disponibilità a partecipare. I ’97 saranno affiancati dagli ormai ex Allievi Regionali, quelli del record di punti conquistato con la maglia della Poliziana in un campionato regionale. Buone quindi le premesse per la stagione 2015/2016 con l’inizio di preparazione che, dopo due stagioni in montagna, dovrebbe tornare al più familiare impianto principale di Montepulciano.
La data di inizio del Campionato Juniores Regionale è fissata per il prossimo sabato 12 settembre 2015.
 

Segui tutti i movimenti di mercato della Poliziana dilettanti: http://www.unionepoliziana.net/Preparazione.asp


 Stampa   
 GIANNI TIRADRITTI NUOVO DIRETTORE SPORTIVO Riduci
Era già nell’aria da qualche tempo ma adesso è ufficiale: Gianni Tiradritti ha accettato la carica di Direttore Sportivo nell’Unione Polisportiva Poliziana sezione Calcio al termine di una serie di colloqui intrapresi da alcuni giorni con la dirigenza biancorossoblu nella persona del Segretario Generale Francesco Belelli. Un incarico a tutto campo quello che Tiradritti ha accettato. Dopo l’era Meacci, nessuno alla Poliziana si era arrogato il compito di seguire ed organizzare in tandem sia il settore dilettanti che quello giovanile. Per la precisione il nuovo direttore sportivo terrà sotto controllo le categorie che vanno dai giovanissimi alla prima squadra cercando di fare da collante tra i due settori e programmare così al meglio l’attività di formazione dei giovani verso un domani da dilettante al meglio delle possibilità. Un progetto che Gianni Tiradritti non nasconde di apprezzare con la passione che lo contraddistingue. Fresco reduce dalla conquista con la Juniores della Poliziana del titolo provinciale 2013/2014, la cui grinta ha trascinato giocatori e staff societario alla conquista di questo storico risultato, Gianni, in precedenza per molte stagioni al Pienza come dirigente ed allenatore tutto fare della compagine valdorciana, tenterà di portare nuovo entusiasmo e tanta buona volontà in un ambiente già forgiato da anni di esperienza ma che non manca mai di avere bisogno di nuovi stimoli e competenze come il Tiradritti è in grado di mettere a disposizione. Tanta quindi la carne al fuoco che il nuovo D.S. si troverà a dover gestire con potenzialità ed ambizioni che nei prossimi giorni verranno confrontate con i vertici della società: una prima squadra che riesca a navigare in categoria senza gli affanni che l’hanno contraddistinta durante questa stagione, una Juniores nei regionali con tanti validi elementi che possono far bene in questa nuova esperienza e poi un settore giovanile come ogni anno da preparare al meglio per le nuove ed interessanti sfide che l’attendono.

 Stampa   
 IL COMMENTO DI CHI L'HA VISTE TUTTE Riduci
     Con l’ultima giornata del Campionato di Prima Categoria girone E va in archivio la stagione dilettantistica ufficiale della Poliziana che può considerarsi assai positiva. Chiaro che la salvezza conquistata all’ultima giornata da una prima squadra che ha palesato lunghe e preoccupanti pause nel corso della stagione possono far propendere l’ago della bilancia verso un giudizio poco lusinghiero, ma, considerato il lieto fine, c’è la grande sorpresa della Juniores che dopo otto stagioni andate a vuoto, riesce a vincere il campionato provinciale acquisendo così l’accesso alla competizione regionale per la prossima stagione. Un grande lavoro di concerto hanno sviluppato i tecnici della prima squadra e della juniores, rispettivamente Luca Rosignoli, al debutto da Mister, e Gianni Tiradritti, “psicologo” ed esperto delle panchine, per cercare di salvaguardare entrambe gli schieramenti: da una parte riuscire a mantenere il titolo di Prima Categoria, obiettivo minimo per una società che vuol mettere a disposizione del proprio settore giovanile una prima squadra che militi in una categoria onorevole, dall’altra sviluppare un gruppo, quello dei 95 e 96, coadiuvato da alcuni 93 e 94, le cui potenzialità si erano viste durante i precedenti campionati regionali giovanili e che in questa stagione hanno visto la consacrazione in un palcoscenico magari meno prestigioso ma proprio per questo in grado di esaltare le proprie peculiarità. Due squadre giovani che hanno potuto integrarsi a vicenda senza per’altro incontrare difficoltà da questo punto di vista. Inizio molto difficile quello del ritorno in prima categoria, dopo il quinquennio in promozione, al termine di una preparazione che faceva presagire qualcosa di più stimolante, sin dalle prime battute però la Poliziana ha dovuto misurarsi con una realtà in cui altre squadre erano ben più organizzate e, come si suol dire, di categoria. L’infortunio alla seconda giornata di Leonardo Contemori ha privato il centrocampo di una pedina fondamentale unita all’assenza di Marco Bigoni già in preventivo. I risultati giungevano con il contagocce, poi la grande vittoria a Montevarchi, squadra destinata al salto di categoria, l’euforia ed il grande entusiasmo del momento non evitavano ancora defezioni in rosa come quella improvvisa come un fulmine a ciel sereno di Marco Giomarelli. Nonostante questo la squadra di Rosignoli, grazie al grande impegno e la serietà negli allenamenti, riusciva ad inanellare alcuni risultati positivi sul proprio terreno di gioco tanto da riuscire a terminare il girone di ritorno a ridosso del centro classifica. Gli arrivi di Barni e soprattutto di Pasquini nel mercato di riparazione, con la partenza però di Michele Baldoni,  non permettevano purtroppo di disputare un girone di ritorno senza difficoltà causa infortuni in serie, tra cui quello di capitan Mulas a riposo forzato per circa due mesi, ed alcuni giocatori che, non abituati a certi ritmi, non riuscivano a mantenere una prestazione costante per tutto il campionato. Qualche sprazzo di ottimismo come la vittoria in quel di Terontola ed il pareggio in extremis contro il Montevarchi, vero “portafortuna” dei biancorossoblu, non erano però seguiti da un rendimento tale nel finale di campionato e la Poliziana ha potuto evitare i play-out grazie al discorso della “forbice” di oltre nove punti che la separavano dalla squadra penultima in classifica e chiudere così una stagione difficile ma, come si sul dire, tutto è bene quel che finisce bene!

 Stampa   
 La Poliziana scommette su Rosignoli Riduci
     Voglia di cambiare subito pagina. C’è l’accordo per la guida tecnica della prima squadra che nella stagione 2013/2014 disputerà il campionato di Prima Categoria. Il sodalizio biancorossoblu punta su un’altra “matricola” della panchina, dopo averlo fatto quattro stagioni or sono con Michele Fortini, adesso è la volta di Luca Rosignoli, una vita tra i pali a difendere società importanti del nostro comprensorio fino alla Poliziana nel finale di questa stagione. I vertici societari si sono incontrati mercoledì 17 aprile con il neo-mister presso l’impianto sportivo di Montepulciano per trovare l’accordo ed iniziare a mettere le basi su quello che sarà il prossimo campionato dilettantistico in terra montepulcianese. Le intenzioni sono quelle di confermare una parte degli elementi che hanno disputato il campionato ormai al termine ed integrare la rosa, che dovrebbe essere composta da non più di una ventina di giocatori, con 3 o 4 elementi che possano garantire quell’esperienza necessaria per riuscire a disputare un campionato quanto meno competitivo. Con l’obbligo dei giocatori in quota che, rispetto alla Promozione, vedrà l’età alzarsi considerevolmente (due giocatori classe 92 ed uno 93 richiesti), netta sarà la distinzione con gli elementi che andranno a disputare il campionato Juniores (95 e 96) ed a maggior ragione per la prossima stagione la società punterà ad un provinciale di vertice per tentare l’agognato salto di categoria. Per quanto concerne lo staff tecnico è stato riconfermato massaggiatore l’esperto Franco Fastelli mentre per il resto tutto deve essere definito anche se ci sono già dei contatti.

 Stampa   
 Finisce dopo quattro stagioni l'era Fortini Riduci
     Montepulciano, 4 marzo 2013 – Dopo quasi quattro stagioni di eterno amore, la Poliziana, al termine della gara di campionato con il Pratovecchio, ha comunicato al Mister Michele Fortini di non volersi più avvalere della sua collaborazione per quanto concerne la conduzione tecnica del settore dilettanti, da circa un anno portata avanti con al fianco il vice Andrea Figuretti, a cui la società ha dato mandato di concludere la stagione. Una decisione questa non tanto dettata dalla volontà di dare una scossa alla squadra per cercare di risolvere una situazione di campionato che a questo punto pare compromessa, ma in ottica di programmazione per la prossima stagione sportiva.
 
     L’avventura di Fortini alla Poliziana iniziò nell’estate 2009 quando giunse in “Chiane” presentato dall’allora allenatore della prima squadra Silvestro Baldacci ed al quale fu affidata la conduzione tecnica della juniores. Conquistò un onorevole quarto posto e lavorando a fianco del “maestro” conquistò ben presto la simpatia e l’ammirazione della dirigenza biancorossa tanto che la stagione successiva venne deciso di affidargli una prima squadra giovane supportata da qualche “perno” importante. Fu subito feeling grazie alla capacità di Michele di dialogare con estrema facilità con i “ragazzi” e dopo un inizio stentato il gruppo capii immediatamente i dettami del tecnico umbro ed alla fine del girone di andata si trovò dove nessuno avrebbe mai pensato di poter giungere, ovvero nella zona play-off. Dopo due stagioni nel campionato di Promozione dove la salvezza fu conquistata in maniera rocambolesca, fu questo il massimo risultato raggiunto dalla società a livello di prima squadra. Seguii un girone di ritorno col fiatone ma alla fine tutto filò liscio. Nella successiva stagione, la 2011/2012, buono fu l’avvio, poi, a fine novembre, la decisione della società, per via di problemi di bilancio, di tagliare i rimborsi spese ai giocatori. Fu l’inizio della parabola discendente con l’allontanamento di qualche punto di forza cui seguii una seconda parte di campionato assai tribolata che però fu compensata dalla salvezza ottenuta ai play-out, seppur in maniera assai affannosa.
 
    La sfida raccolta da Michele Fortini in questa stagione era a dir poco proibitiva. Con in mano una squadra ancor più giovane e l’assenza di pressoché tutti i “senatori” del gruppo che avevano sostenuto la squadra nelle stagioni precedenti e senza la possibilità di adeguati ricambi, l’impatto con il campionato è stato “devastante” con una serie impressionante di sconfitte e pochissime soddisfazioni. La filosofia dell’allenatore è stata sempre quella di cercare la vittoria dall’inizio alla fine ma forse questa non era la stagione adatta per osare tanto.
 
     La Società Poliziana ringrazia sentitamente Mister Michel Fortini per il suo impegno profuso in queste quattro indimenticabili stagioni, considerato anche il suo impegno a tempo pieno nel guidare in tandem la prima squadra e la juniores, un compito portato avanti anche a costo di enormi sacrifici, ed augura a Michele nuove e stimolanti avventure.

 Stampa   
 Stagione 2012 / 2013 - Per la Poliziana una nuova sfida Riduci

     Domenica 2 settembre alle ore 15,30 presso lo Stadio “amico” di Montepulciano parte la stagione ufficiale della Polisportiva Poliziana nel primo turno di Coppa Italia di Promozione. Ed è subito derbyssimo, un inedito questo per la compagine biancorossoblu, il confronto, prima ancora che in campionato, quello che vedrà la squadra allenata per la terza stagione consecutiva da mister Michele Fortini, opposta agli amaranto della Nuova Foiano. Un ritorno dopo tanto tempo in una categoria più consona per gli aretini diretti da mister Luca Brini, uno che queste zone le conosce abbastanza bene. La Coppa come si sa è una competizione che può riservare piacevoli sorprese come cocenti delusioni (ne sanno qualcosa gli amici della Fonte Bel Verde, compresi anche loro in questo mini-girone a tre che li vedrà esordire il 12 settembre contro la Poliziana o la Nuova Foiano a seconda del risultato che scaturirà al “Bonelli”). Almeno per la Poliziana questo sarà una nuova occasione per cercare di migliorare gioco e sincronia tra i reparti. Non conta molto pertanto il risultato per i montepulcianesi che saranno orfani del loro capitano di lunga data Luca Goracci, assente per motivi di lavoro e che non è sicuro se si aggregherà al gruppo in un secondo momento. Al suo posto un giocatore che ha già dimostrato nelle amichevoli di avere delle buone qualità, ovvero Gianmarco Betti, classe 86, con trascorsi nelle giovanili dell’Arezzo. Novità anche a centrocampo con l’arrivo di Alessandro Sangermano che con David Baglioni cercheranno di dare il loro apporto anche in termini di esperienza ai tanti giovani che si alterneranno nello scacchiere disegnato dal mister. In attacco i fratelli Mazzolai, coadiuvati dal giovanissimo Nasorri, dovranno sostituire Guerrini e Martino approdati rispettivamente alla Fonte Bel Verde ed al Perugia, categoria Berretti, un traguardo quest’ultimo raggiunto con le ottime prestazioni ottenute la scorsa stagione con la maglia della prima squadra della Poliziana. Centrocampo giovanissimo, orfano dopo due stagioni di Pasquini, con l’erede Leonardi in compagnia, tra gli altri, di Parissi, Trabalzini ed il promettente Lombardi. Davanti ai portieri Bastreghi ed il neo arrivato Guerri, l’unico grande veterano della squadra, Fabio Mulas, che per l’ottava volta ha detto si alla Poliziana, ovvero dalla sua nascita, un amore infinito.


 Stampa   
 CERIMONIA PER I DIECI ANNI DELLA POLIZIANA Riduci

     Si è conclusa il 4 agosto la 16^ edizione della “Festa dello Sport”, manifestazione organizzata dall’Unione Polisportiva Poliziana con il patrocinio del Comune di Montepulciano e che si è tenuta presso lo Stadio “B. Bonelli” di Montepulciano per dieci giorni. Edizione questa del 2012 che ha visto la celebrazione del decennale della Società, nata appunto nel 2002 come fusione dei settori giovanili di calcio presenti nel territorio comunale, ossia tra quelli delle società Avis Montepulciano, S.P. Acquaviva, Sant’Albino Terme e Valdichiana Calcio. Nel 2005 nacque l’attuale Polisportiva con la promozione e lo sviluppo di alcune delle discipline praticate a livello comunale come, oltre al calcio giovanile, il calcio dilettantistico, il volley, il nuoto, l’ippica e la danza. Nella serata del 2 agosto, preceduta da una gara tra le vecchie glorie che hanno calcato i campi nostrani in tempi non poi così lontani, sono  state assegnate delle targhe ricordo presenti alcune delle autorità sportive e non che operano sul territorio. Alla presenza del neo presidente della Poliziana Massimiliano Bianconi, del Segretario Generale Lorenzo Coccoletti, del Delegato per il Volley Paolo Solini e, come presentatore d’eccezione, di Fabrizio Contemori che ha mostrato la bottiglia di vino con l’etichetta dedicata al decennale, riconoscimenti sono stati assegnati agli ex Presidenti del sodalizio biancorossoblu Doriano Bui, il fondatore, e di Raffaele Rossi che ha ricoperto la carica per circa tre stagioni. Sono stati inoltre premiati il presidente del Coni provinciale Roberto Montermini, della Fipav provinciale Fiorenzo Montermini, il Consigliere Regionale Figc Carlo Fusai, il Presidente della Figc Comitato Regionale Toscana Fabio Bresci, il Delegato Provinciale Figc Maurizio Madioni, il Presidente della Figc Toscana Settore Giovanile Paolo Mangini ed il Presidente ed il Direttore della Banca di Credito Cooperativo di Montepulciano Eros Nappini e Beniamino Barbi.  Infine, ma non per ultimi, premi speciali sono stati riconosciuti a tre dei personaggi che per anni hanno contribuito con un lavoro oscuro ma prezioso al proseguimento dell’attività della società come Franco Tremiti, indomito cassiere, Arnaldo Meniconi, scrupoloso contabile, e Silvano Magliozzi, infaticabile barman e cassiere presso l’impianto di Acquaviva.


 Stampa   
 RESOCONTO E PROSPETTIVE Riduci

     Restare aggrappata al campionato di Promozione sta diventando una consuetudine per la Poliziana. Dopo il salvataggio al cardiopalmo nei play-out contro l’Audace Legnaia, la Poliziana mantiene il titolo sportivo conquistato ai ripescaggi al termine della stagione 2007/2008, mettendo a disposizione grande impegno ed attenzione. Se nelle prime due stagioni la salvezza arrivò soprattutto a causa diciamo di “disgrazie altrui”, nelle ultime due la salvezza è stata conquistata direttamente sul campo. Se nella stagione 2010/2011 la Poliziana restò in categoria con ampio merito riuscendo a raggiungere a  metà campionato posizioni di alta classifica, nella stagione che si è in pratica da poco conclusa, la storia è stata assai più tribolata con i biancorossi che dopo il giro di boa si sono addirittura ritrovati in ultima posizione. Una squadra capace di tutto, affermazioni contro squadre di alta classifica come dolorose sconfitte in alcuni degli scontri diretti. Ben trentadue i giocatori impiegati dal mister Michele Fortini al termine della stagione, l’equivalente di quasi tre squadre schierate in campo, questo a causa di una formazione titolare mai individuata per via dei numerosi infortuni e di partenze importanti che di volta in volta hanno portato l’allenatore a plasmare la squadra secondo necessità cercando ovviamente di impiegare i giocatori più in forma del momento. Il grande spirito di gruppo che allenatore e dirigenti hanno saputo creare ha contribuito non poco a questa salvezza. Fortini ha chiamato in causa nel finale caldo di stagione giocatori su cui all’inizio in pochi avrebbero scommesso su un loro impiego a tempo pieno e questa è stata sicuramente l’arma vincente che ha contribuito al successo finale. Un progetto che, terminati i festeggiamenti di rito, continua con la panchina affidata anche per la prossima stagione a mister Fortini, un giusto riconoscimento al lavoro fatto dal tecnico umbro il quale, a sua volta, ripone molta fiducia in un ambiente che mai come in questi anni sta affidandosi al proprio settore giovanile per formare una squadra fatta da ragazzi del proprio vivaio, una politica finalmente sposata in pieno. Non sono pertanto previste rivoluzioni ma ovviamente la macchina dirigenziale si è già messa a lavoro per cercare quanti più giocatori possibili riconfermare anche nella prossima stagione sportiva  ricorrendo a rinforzi solo in caso di stretta necessità.

Per il quotidiano La Nazione - (realizzato il 6 giugno 2012)


 Stampa   
 POLIZIANA AI PLAY-OUT Riduci
          In bilico fino all’ultima giornata di campionato per la conquista di un posto utile per la salvezza, la Poliziana per pochi spiccioli è chiamata ad un ulteriore colpo di reni per continuare a restare aggrappata a quella che è la propria “serie A”, quel campionato di promozione che nelle precedenti tre stagioni ha regalato nel complesso diversi bassi e qualche acuto ma che alla fine ha riservato sorrisi. La truppa di mister Fortini se la dovrà vedere contro i fiorentini dell’Audace Legnaia per difendere il titolo alla lotteria dei play-out. Gara di andata domenica 20 maggio sul sintetico in formato ridotto di Via Dosio, gara di ritorno domenica 27 maggio al “Bruno Bonelli” di Montepulciano. Terminata in posizione di classifica migliore rispetto all’Audace, la Poliziana partirà con il vantaggio di poter portare a termine il doppio confronto anche con una differenza reti pari a zero e quindi ottenere la permanenza in categoria. Tre mesi fa la Poliziana conquistò un roboante 3-0 a domicilio dell’Audace, un precedente di buon auspicio ma che i biancorossi dovranno dimenticare e concentrarsi al massimo su questo doppio confronto. La Poliziana non avrà nella gara di andata Lapo Parissi per squalifica ed in più mister Fortini dovrà cercare di recuperare quanti più acciaccati ed infortunati possibili, come Bigoni, Contemori e Canapini, alle prese con problemi fisici di varia natura. Un appello ai propri affezionati tifosi affinché moltiplichino il loro calore verso la propria squadra è richiesto in vista di questo importantissimo appuntamento.
Per La Nazione, 17 maggio 2012

 Stampa   
 A QUATTRO GIORNATE DAL TERMINE Riduci

     A quattro giornate dalla conclusione del campionato di Promozione tutto resta molto incerto sia al vertice, sia in coda alla classifica, zona quest’ultima che interessa la Poliziana, attualmente in penultima posizione ma con soli tre punti di distacco dalla zona salvezza diretta. Molto pertanto dipenderà da quanto riusciranno a tirare fuori ciascuna delle dirette interessate per aggiudicarsi allo sprint finale l’obiettivo massimo possibile. Partita in maniera discreta nella prima parte della stagione con la vittoria sul campo della Sangiustinese alla 9^ giornata che l’aveva proiettata nella zona medio alta della classifica, la squadra biancorossa ha conosciuto alterne vicende, prima tra tutte quella della defezione di alcuni giocatori titolari che, per ragioni condivisibili, hanno preferito trasferirsi altrove lasciando nella squadra qualche punto interrogativo che la sapienza tattica e la grinta di mister Fortini comprensibilmente non sempre sono riuscite a sopperire. L’ingresso di un paio di elementi di esperienza come Barni e Baglioni hanno contribuito senza dubbio a tenere la “barca” su equilibri accettabili. Purtroppo l’infortunio a centrocampo di un elemento essenziale come Pasquini ha ridotto ancor di più la “coperta” e le squalifiche che a turno colpiscono i giocatori della rosa contribuiscono a rendere ancor di precaria la situazione. Resta comunque inalterata la politica adottata dalla società di traghettare il maggior numero possibile di giovani del vivaio a vestire la maglia della prima squadra. Simbolo di questa stagione, almeno in questo senso, è il giocatore classe 95 Nicholas Martino, i cui impegno e qualità stanno dando una mano notevole alla causa poliziana. Ma tanti altri giovani che compongono la rosa a disposizione di mister Fortini stanno comportandosi bene come Bigoni, Contemori, Parissi, Guerrini, Leonardi ed altri che non da meno stanno dando buoni risultati e siamo sicuri che fino in fondo cercheranno di far di tutto per non deludere i propri beniamini. La Poliziana ha dimostrato in quasi tutte le circostanze di poter duellare alla pari con qualsiasi avversario, qualsiasi posto occupi in classifica. Certamente c’è da lavorare per migliorare alcuni aspetti che non fanno si che il tutto si traduca in risultati più lusinghieri. Dopo la proibitiva trasferta in quel del Porta Romana nella domenica dopo Pasqua, tre scontri diretti attendono in altrettante gare la compagine chianina e sarà qui che si deciderà se la Poliziana sarà dentro o fuori dai play-out, facendo i debiti scongiuri per quanto riguarda l’ultima ancor più scomoda posizione di classifica.

(7 aprile 2012)

 


 Stampa   
 Bilancio della stagione sportiva 2010/2011 Riduci

      Un finale di stagione tranquillo quello che si appresta a vivere la Poliziana, inedito osiamo dire nel campionato di Promozione dopo che le due precedenti annate calcistiche si erano chiuse nella fase dei play-out con salvataggi rocamboleschi. Ad onor del vero i biancorossi hanno “rischiato” qualcosa di più dopo che il girone di andata si era chiuso con all’attivo ben 27 punti che promettevano all’orizzonte insperati spareggi per l’accesso al campionato superiore. Una chimera che nel corso del girone di ritorno si è pian piano delineata fino a temere il ritorno di quanti, pur rimasti a debita distanza, lottavano per uscire dalla zona pericolosa della classifica. Il bilancio della stagione resta comunque molto positivo. Gran merito di questa metamorfosi va ascritta all’allenatore Michele Fortini. Giunto in Chiana da Perugia quasi due anni or sono a fianco dell’ex allenatore biancorosso Silvestro Baldacci ed alla guida nella scorsa stagione della Juniores provinciale, Michele ha non solo continuato anche in questa stagione ad allenare i “cadetti” della Poliziana, ma si è anche sobbarcato l’onere, non da poco, di guidare in tandem anche la prima squadra scalzando il “maestro”. Una scelta condivisa e voluta da tutte le parti sociali della Poliziana, a cominciare dal Presidente Raffaele Rossi e dal Vice Presidente Maurizio Comitini, dal D.G. Lorenzo Coccoletti e dal D.S. Giordano Bazzotti. Gestire in sincronia tutto il parco dilettanti, con un occhio alle categorie giovanili, ha dato i suoi frutti, grazie anche alla grande esperienza maturata in carriera da Mister Fortini, con passati gloriosi da centravanti di razza nei campionati professionistici. In questa stagione la società è riuscita a mettere a frutto anche quanto costruito nelle precedenti, ovvero far debuttare in prima squadra più ragazzi possibili provenienti dal proprio vivaio, il progetto principale per cui l’Unione Poliziana era stata concepita fin dagli albori. Non poco hanno influito gli innesti provenienti da altre realtà, ad iniziare dall’esperto Giacomo Palmi, una garanzia tra i pali, l’indomito difensore Jacopo Grazi, il duttile centrocampista Duccio Pasquini, l’imprevedibile attaccante Alberto Bianconi affiancato dal “jolly” Stefano Loi, una scoperta tardiva quanto preziosa con i suoi ingressi “pesanti”, hanno contribuito all’ottenimento di grandi risultati oltre che far crescere i così detti “giovani” come Raffaele Borneo, Leonardo Contemori, Giulio Leonardi, Andrea Casini, Riccardo Terrosi, Marco Bigoni, Duccio Nannotti, Davide Fiorucci, Matteo Vincenti, Mattia Genipi, Alberto Mazzolai senza dimenticare due “vecchie” pedine di indubbio valore come il capitano Luca Goracci, e si sapeva, del nonché allenatore in seconda Simone Trabalzini, ma soprattutto Fabio Mulas, rigenerato dalla cura Fortini, dopo delle stagioni opache, nel suo nuovo ruolo di esterno basso di sinistra. Non resta adesso che attendere il rompete le righe che avverrà al termine dell’ultima di campionato, prevista a Sangiustino Valdarno il prossimo 1° maggio, con la testa già rivolta alla prossima stagione quando un altro grande compito attende il sodalizio biancorosso, ovvero quello di far debuttare in prima squadra tanti validi giocatori classe 94, anche per ovvi motivi di regolamento, su cui l’allenatore Michele Fortini, confermato senza ombra di dubbio, sta già lavorando.


 Stampa   
 Fabio Mulas, dieci anni indimenticabili alla Poliziana Riduci
Il Capitano Fabio Mulas

 Stampa   
Dichiarazione per la Privacy | Condizioni d'Uso
GiRu |  L Yo L |  Lillo |  Ettore Mariotti |  Mattia Genipi |  Giulio Cesare |  Sondaggi
Copyright (c)